OceanoMare_Home PageAlessandro Baricco >> Biografia e Bibliografia

Home > News > City Reading Project, il libro

___ MENU ___ City Reading Project, il libro
  News
> Community
>
Ipse scripsit
> Interviste
> Speciali
> Totem
> Holden
> Opere
   »
Senza Sangue
   » City
   » Seta
   » Novecento
   » Oceano Mare
   » Castelli di Rabbia
   » Altre opere
   » Articoli vari...
> Bio e Bibliografia
           ___

> E-mail
> Cerca nel sito
> Link 
> Mappa
> Disclaimer
> Ringraziamenti
> Su questo sito...

           

City Reading ProjectEsce a maggio 2003, sempre in concomitanza con la Fiera Internazionale del libro di Torino, un libro illustrato della Rizzoli dedicato al City Reading Project, analogamente a quanto Fandango Libri già aveva fatto per Totem, con l'omonimo volume Totem - Letture, suoni, lezioni

City Reading Project

Sette storie scelte da City
Lo spettacolo a Romaeuropa Festival
Air, Giovanni Collima, Stefano Benni
Le foto di Chico De Luigi. 

:: Il libro: l'introduzione di Baricco
:: I brani audio degli AIR
:: I video dello spettacolo
:: Le foto del City Reading Project

Dal sito del RomaEuropa Festival:
City Reading Project è il libro di un viaggio attraverso letture, immagini, attese, emozioni. Un viaggio che sembrava concluso nel novembre del 2002, quando le letture, i suoni e le visioni del City Reading Project approdarono al Romaeuropa Festival. 
Un viaggio che era partito mesi prima, che è proseguito in un disco che Alessandro Baricco ha inciso con due musicisti francesi e che non è ancora finito (continua nell'idea di una tournée estiva).
Nel libro di Baricco i testi di City riadattati dallo scrittore per le nove serate al Teatro Valle raccontano uno dei più importanti eventi del Romaeuropa Festival 2002, accompagnati da splendide foto di scena e retroscena. Un libro per chi ama leggere e vedere, di cui anticipiamo l'introduzione dell'autore.

Introduzione 
Fateci caso: uno non sa mai cosa sta facendo, mentre lo sta facendo.


Poi, dopo, magari lo capisce. Ma mentre è lì, nel bel mezzo della faccenda, è diverso: sa esattamente cosa deve fare, eppure non sa cosa sta facendo, se capite quello che voglio dire. Io ho fatto questo City Reading Project al Teatro Valle, per il Romaeuropa Festival, con un sacco di altre persone. C'era il palcoscenico, il sipario, tutte quelle cose lì. Era teatro? No, spero. E allora cos'era? Sapevamo esattamente quello che dovevamo fare, ma non sapevamo cosa stavamo facendo. L'idea era quella di leggere le pagine di City, in pubblico, ad alta voce. Non io: degli attori. Detto così è una cosa da niente. E invece è un gran casino. Il fatto è che gli attori, in genere, non leggono: recitano. E quello è un ottimo modo per ammazzare un testo. Allora l'idea era lavorare con loro per togliere di mezzo la recitazione e recuperare quel gesto elementare che è dare voce alla scrittura. Farla diventare suono: e volto, corpo presente, mani che si muovono, occhi, e tutto. Sono nati per far quello, gli attori: se solo la smettessero di recitare...

Insomma volevo cercare quella voce, quel modo di stare, quella bellezza, se capite cosa voglio dire. Ho scelto nove attori e poi ho preso sette storie da City. City è una specie di grande frigo dove ho messo da parte un sacco di storie per quando mi viene fame, la notte. Ha una struttura bizzarra, per cui non è difficile sfilare via le storie dal libro, senza che muoiano. Stanno su bene anche da sole. Tu apri il frigo e le sfili via. Amen. Così ho fatto. Poi ho portato le storie dove c'erano gli attori. Li ho fatti incontrare per così dire. Ci abbiamo lavorato su per un po' di tempo. Cercavamo quella bellezza, capite? Dovevo convincerli a raccontare...

Un'altra cosa. Facendo Totem avevo imparato quanto si può ottenere lavorando bene con la musica e con le luci, quando arrischi quello spettacolo minimo che è leggere in pubblico. Così anche per il City Reading Project, ho pensato di lavorare su quelle cose lì. Sono andato a cercarmi dei musicisti, e gente che sapesse mettere in scena, in qualche modo, quello spettacolo immobile che avevo in testa. Alla fine mi son trovato intorno due musicisti francesi, un compositore italiano, uno scenografo, una regista, una coreografa, un light designer. Un sacco di gente, vi dico. Un kolossal lo puoi fare anche da solo: ma quando hai in testa qualcosa di vertiginosamente essenziale, allora c'è bisogno di un sacco di gente per togliere di mezzo tutto quello che non vuoi. È così, giuro.

Il City Reading Project è andato in scena al Teatro Valle, per nove sere, nel novembre del 2002. Pubblico ogni tanto contento, ogni tanto irritato, ogni tanto smarrito. Come gente che si cerca, in un bosco, e si trova, poi si perde di nuovo, poi ripiglia a cercarsi. Una cosa così. Dato che si chiamava Project, non poteva finire lì. E infatti dopo mi son ritrovato a fare un disco con i due musicisti francesi, e a pensare a una tournée estiva con uno spettacolo abbastanza diverso, e a fare questo libro, che non è un libro, e allora cos'è?, questo è il bello, non si sa mai cosa si sta facendo, mentre lo si sta facendo.

Comunque qui si racconta quello spettacolo di Roma. Era fatto in tre serate, e troverete qui tre capitoli, uno per serata. Troverete i testi così come li ho sfilati via dal frigo di City, e così come li ho adattati perché reggessero il peso del palcoscenico (chi vuole, può andare a controllarsi gli originali, in City, e vedere cosa significa passare da scrittura a suono). Le foto raccontano un po' quello che è successo: il prima, il dopo, il durante. Volevamo fare un film, su tutta l'avventura. Piuttosto delle foto, ho pensato. Eccole qua.


Alessandro Baricco

^ torna su


Alcuni brani musicali degli Air del City Reading Project


brano 1
in MP3 (369 Kb)
brano 2 in MP3 (315 Kb)
brano 3 in MP3 (307 Kb)

^ torna su


Alcuni video dello spettacolo


Tre Storie Western
in WMV 35 min. (5.20 Mg)
Il lascito testamentario del. Prof. Mondrian Kilroy in WMV 20 min. (3.19 Mg)
Ring in WMV 20 min. (2.7 Mg)

^ torna su


Le foto del Roma Europa Festival

Baricco legge Baricco legge...

e legge ancora...


Le fantastiche foto di Anna***(che ringrazio!)

Prima dell'inizio...

Il palco in controluce

Attori e musicisti

Stefano Benni racconta il saggio sull'Onestà Intellettuale

Baricco, dietro le quinte...

^ torna su